Neurochirurgia e Kundalini Yoga

Un neurochirurgo sul perché il Kundalini Yoga fa bene alla colonna vertebrale

Chiunque abbia mai finito una buona pratica yoga sa, intuitivamente, che fa bene alla colonna vertebrale. È certamente difficile battere la sensazione che provi quando sei in Shavasana. E no, non si tratta solo di stare distesi a terra. È un diverso tipo di rilassamento che arriva solo alla fine di sessanta (o novanta) minuti di una sequenza di posture molto deliberata.

Questa sensazione è il motivo per cui siamo stati particolarmente colpiti dalla prospettiva del neurochirurgo Sheri Dewan, che vede molte spine nella sua pratica di Chicago, sia nel suo ufficio che sul suo tavolo operatorio. Naturalmente, la dottoressa Dewan preferirebbe non aver bisogno di vedere la tua spina dorsale in quest’ultimo contesto, se può evitarlo. E crede che lo yoga – in particolare lo stile di Kundalini – possa essere uno degli strumenti profilattici più efficaci per rafforzare la colonna vertebrale e tenere a bada il dolore alla schiena e al collo.

 

Quando si tratta di curare la colonna vertebrale, cosa c’è nel tuo kit di strumenti al di fuori della chirurgia spinale?

Negli ultimi sei anni ho visto un aumento dei pazienti che desideravano trattamenti più conservativi per la colonna vertebrale. Ho un sacco di giovani donne che vengono a trovarmi molto attive fisicamente e non interessate alla chirurgia spinale aggressiva. Invece di raccomandare semplicemente una procedura operativa, seguiamo un approccio conservativo.

In genere inizio con un rinvio a un fisioterapista autorizzato, a seconda della patologia spinale del paziente. Il trattamento potrebbe assumere la forma di una leggera trazione, che è una specie di allungamento della colonna vertebrale o di stimolazione elettrica chiamata TENS (stimolazione nervosa elettrica transcutanea). A volte useranno una procedura chiamata aghi secchi, che essenzialmente posiziona piccoli aghi di tipo agopuntura nelle articolazioni della colonna vertebrale – le faccette articolari – per rompere tutti gli strati di tessuto cicatriziale che possono formarsi.

Se ho pazienti che sono interessati a praticare yoga, li rimando a luoghi della comunità che conosco facciano un buon lavoro, in sicurezza.

 

Cos’è lo Kundalini Yoga e perché lo consigli?

Il Kundalini Yoga, o Yoga spinale, esiste da migliaia di anni. Lo yogi Harbhajan Singh Khalsa lo imparò in India e lo portò in California alla fine degli anni ’60. ” Kundalini ” è la parola sanscrita per “arrotolato”: la pratica è molto focalizzata sulla meccanica del corpo, flessibilità, forza muscolare centrale, tensione muscolare, allentamento e regolazione della colonna vertebrale. Sono in genere dai sessanta ai novanta minuti in totale, con un riscaldamento da cinque a dieci minuti e da trenta a quarantacinque minuti di esercizio seguito da un periodo di rilassamento.

Il punto finale chiave è l’aspetto meditativo di esso. Quando i pazienti hanno a che fare con dolore cronico, che si tratti di dolore al collo, dolore toracico o lombare, gran parte di esso è sia psicologico che fisico. Quello che mi piace dello yoga in stile Kundalini è che non si concentra solo sulle articolazioni della colonna vertebrale, sui tendini e sui muscoli per aiutare a rilassare e rafforzare l’intero corpo, ma poi, alla fine, ti concentri sulla tua mente, che è anche un enorme componente del dolore psicologico che si manifesta come dolore fisico.

Alcune persone non sono molto flessibili all’inizio, e alcuni dei miei pazienti hanno settant’anni o ottanta, quindi dobbiamo procedere con attenzione. In genere raccomando ai pazienti di iniziare in un centro yoga con cui si sentono a proprio agio e poi di lavorare lentamente verso luoghi che fanno yoga spinale più avanzato. Ma una volta che i pazienti hanno dimostrato di avere la flessibilità necessaria per praticare lo yoga spinale, possono persino farlo a casa. Consiglio di farlo al mattino quando si svegliano o anche la sera prima di andare a letto, una volta al giorno o due volte al giorno, a seconda del livello di attività e del tempo.

Fisiologicamente, in che modo lo yoga in stile Kundalini influenza la colonna vertebrale?

Lo yoga Kundalini si concentra sull’apertura di tutti i tuoi corpi vertebrali. Abbiamo sette corpi vertebrali nella colonna cervicale, quindi dodici nella colonna vertebrale toracica e cinque nella colonna lombare e cinque nella colonna vertebrale sacrale. In una pratica tipica della Kundalini, stai iniziando alla base stessa della colonna vertebrale al sacro e stai lavorando per allungare ogni livello mentre lavori fino al collo o alla colonna cervicale. Un grande componente di esso sta ruotando le articolazioni. Dico ai pazienti che le articolazioni della colonna vertebrale sono proprio come le articolazioni dei gomiti, delle spalle, delle ginocchia: si può avere un’infiammazione delle articolazioni spinali e possono diventare artritiche. Le persone non pensano concettualmente alla colonna vertebrale in quel modo, quindi è importante enfatizzare la componente infiammatoria.

Abbiamo due serie di articolazioni della colonna vertebrale che corrono verticalmente. L’idea generale di questa pratica yoga è iniziare alla base, risalire e facilitare lentamente e aprire gli spazi articolari attraverso un processo di rotazione, allentamento e stiramento. Funziona per aprire non solo i tendini ma anche i muscoli mentre ti arrampichi. L’ultima parte degli esercizi di Kundalini rafforza il nucleo. I muscoli del nucleo addominale tendono a diventare molto rilassati e, quando ciò si verifica, la colonna vertebrale inferiore non si rafforza, il che può portare a mal di schiena cronico.

A chi consigli lo yoga Kundalini?

Lo consiglio a quasi tutti come misura profilattica per la salute della colonna vertebrale. Lo consiglio anche alle donne dopo il parto. Molte volte, quei muscoli addominali diventano molto deboli dopo la gravidanza. Ho un sacco di pazienti che vengono nel mio ufficio mentre sono in gravidanza e alla fine finiscono con problemi alla schiena e problemi sciatici. Di solito consiglio di fare yoga in gravidanza durante la gravidanza stessa, perché è più delicato. Lo yoga Kundalini può essere un po ‘più duro nella sua fisicità.

Che dire delle persone che vengono alla tua pratica già avvertendo dolore?

Vedo molti pazienti che vivono con dolore cronico. Se il mal di schiena è atroce o grave, dobbiamo fare affidamento sulla gestione dei farmaci e talvolta anche iniezioni di steroidi per la colonna vertebrale. Una volta che il paziente è a corto di dolore acuto, è in grado di partecipare, è bene iniziare una terapia fisica o un programma di yoga per andare avanti. Poi c’è l’altra categoria di pazienti, per i quali alla fine abbiamo bisogno di eseguire un intervento chirurgico.

Quante volte dovresti fare yoga Kundalini per raccogliere i frutti?

Quotidiano. Dico ai pazienti di farlo quando sono a casa. La prima cosa al mattino è la chiave: alzati e allunga l’intera colonna vertebrale. Inizia dalla base della colonna vertebrale e lavora fino in fondo. Ci sono stati così tanti studi che dimostrano che se rilassi la muscolatura nella parte superiore e inferiore della schiena, può davvero aiutare con la componente psicologica del dolore cronico.

Quando inizi, ti consiglio di trovare una buona lezione guidata in un centro Kundalini. In genere è una sequenza di mosse: sono stato in diversi centri che praticano tutte piccole variazioni, ma in genere è un insieme di ventisei o trenta pose ogni volta che partono dalla base della colonna vertebrale e si muovono in sequenza.

Una volta che hai familiarità, hai praticamente solo bisogno di un tappetino yoga e da casa puoi iniziare con una sorta di calore umido per allentare i muscoli e poi, dopo la pratica dello yoga, sdraiarti e prendere un po ‘di tempo per rilassarti. Verso la fine della tua pratica, se ti senti bene, puoi provare a glassare.

Vedi molte persone che hanno dolori alla colonna vertebrale o lesioni a causa del solo sedere troppo?

Vedo molti pazienti che soffrono di molto lavoro d’ufficio, quindi sono praticamente alla scrivania per ben otto ore al giorno. Si alzano forse per una pausa pranzo e poi si siedono di nuovo. Per quei pazienti che soffrono molto di lombalgia, raccomanderò di fare pause frequenti durante il giorno, assicurandomi che si alzino, camminino per l’ufficio o fuori per incrementi di quarantacinque minuti.

Molte volte abbiamo la tendenza a piegarci, e la nostra colonna vertebrale inferiore ne prende il peso. L’altra cosa che vedo molto è il dolore al collo, specialmente con il lavoro al computer. Raccomando scrivanie e sedie ergonomiche per i miei pazienti, così frequentemente scriverò prescrizioni per scrivanie e sedie ergonomiche per cercare di aiutarle nella vita di tutti i giorni.

Ci sono mosse simili allo yoga che puoi praticare alla tua scrivania che possono aiutarti?

Per il collo, la serie di esercizi che raccomando è molto semplice. Ruota la testa da un lato all’altro per cinque o dieci volte, tornando ogni volta alla posizione centrale o fletti ed estendi il collo avanti e indietro. Quindi prendi i tuoi muscoli trapezi – quelli che usi per scrollare le spalle e muovere il collo – e flettere. Basta rapire e addurre i muscoli del trapezio. Anche solo una piccola serie di mosse, farlo un paio di volte al giorno quando sei alla tua scrivania, può aiutare ad allentare la parte superiore del collo.

Per la colonna vertebrale inferiore, raccomando un esercizio in cui si succhia lo stomaco verso la regione lombare inferiore alcune volte al giorno. Pensa a tirare i muscoli dello stomaco verso la colonna vertebrale e questo aiuta a rafforzare i muscoli addominali inferiori. Sono esercizi molto semplici, ma fanno davvero la differenza. Naturalmente la postura è enorme, così come il modo in cui tieni il collo in posizione più neutrale.

Che aspetto ha una buona postura, e come si entra o si mantiene?

Succede nel tempo e nella pratica. L’anatomia spinale di ognuno è diversa. Ognuno ha una posizione perfetta dove dovrebbe essere il collo, e tutto dipende dalla biomeccanica della tua colonna vertebrale e dalla tua flessibilità.

Ma è importante mantenere gli occhi ad un livello più neutro, anziché inclinare la testa in avanti o flettersi. La testa dovrebbe essere più neutra e di solito le spalle indietro e i muscoli addominali tesi. In sostanza: se hai provato ad aspirare verso la colonna vertebrale, questa è probabilmente la posizione migliore per la tua schiena.

Prescrivo sedie e scrivanie ergonomiche, nessun marchio particolare, qualunque cosa la compagnia assicurativa del paziente approvi. Ma in genere anche i banchi con tastiere che puoi regolare per far apparire più in alto possono aiutare molto con la tua postura.

Il Dr. Sheri Dewan è un neurochirurgo certificato a tempo pieno che esercita nella zona di Metro Chicago, affiliato alla Northwestern Medicine. È una delle circa 200 neurochirurghe negli Stati Uniti. Ha completato la sua residenza alla Brown University ed è un orgoglioso membro del consiglio di Women in Neurosurgery (WINS), del Congresso dei neurologi chirurgici e dell’American Association of Neurological Surgeons. La dottoressa Dewan si dedica alla chirurgia di beneficenza nell’India meridionale attraverso il gruppo ospedaliero AIMS e fa parte del consiglio di amministrazione della Fondazione Allendale, un’organizzazione di beneficenza per bambini affidatari.

Questo articolo è solo a scopo informativo, anche se e nella misura in cui presenta il parere di medici e medici. Questo articolo non è, né è destinato a essere, un sostituto per la consulenza medica professionale, la diagnosi o il trattamento e non dovrebbe mai essere invocato per una consulenza medica specifica. Le opinioni espresse in questo articolo sono le opinioni dell’esperto e non rappresentano necessariamente le opinioni di goop.

Corsi di Kundalini Yoga come insegnato da Yogi Bhajan® a Vigevano (PV)

2019 All right reserved
Piazza Alessandro Volta, 17 | 27029 | Vigevano (PV)
P.I. 04165940232

Privacy Policy

 

web graphic design